Cerca nel blog

lunedì 15 giugno 2009

Lezioni di Geometria Analitica.

La geometria mi porta a pensare alle "affinità elettive":
Parlando di Birapporto:
Perciò i due primi elementi A e B, che godono uffici scambievoli, si dicono coniugati armonici rispetto a C e D, e viceversa. E si dice pure che le due coppie AB e CD si separano armonicamente, perché il segno negativo del birapporto provoca la separazione delle coppie stessa.
Guido Castelnuovo, Lezioni di geometria analitica.

Questo mi ha ricordato subito un passo del romanzo di Goethe, in cui il Capitano tenta di spiegare a Carlotta, moglie dell'amico, cosa si intenda per affinità elettiva:

Pensate a un A e a un B, così intimamente legati che anche impiegando i mezzi più disparati, compresa la forza, non ci sia verso di separarli; pensate quindi a un C, che abbia con un D il medesimo rapporto; e ora mettete in contatto le due coppie: A si getterà su D, C su B, senza che si possa dire chi per primo ha lasciato l'altro, chi per primo si è di nuovo unito all'altro. [...]

Interviene Edoardo, marito di Carlotta:

Tu rappresenti A, Carlotta, e io il tuo B, giacchè io, di fatto dipendo solo da te e ti seguo, come ad A segue B. Il C è evidentemente il Capitano che, per il momento, mi sottrae un poco da te. Quindi se non vuoi perderti nell'indefinito, è giusto che si provveda per te ad un D, [...] Ottilia.

Fortunatamente un "dizionario" amoroso mi ha riportato allo studio delle mie proiettività e del caro Poncelet:

Io colgo non delle analogie, bensì delle Omologie: per esempio, constato che io sono per X... ciò che Y... è per Z...; tutto ciò che mi si dice di Y... mi tocca nel vivo, benchè la sua persona mi sia indifferente, e anzi, addirittura sconosciuta; io sono catturato da uno specchio che si sposta e mi capta ovunque vi sia una struttura duale. [...]
Roland Barthes, Frammenti di un discorso amoroso, Identificazioni.

Di fronte e queste parole lette in treno, di fronte al cerchio conclusosi in poche ore, ormai arrivata alla stazione di Desenzano, posso rispondere in maniera oggettiva alla ragazza che di fronte a me mi chiede com'è il libro che sto leggendo? Un Capolavoro introspettivo! :D (ovviamente non solo per questo..)











2 commenti:

francilla ha detto...

questo post è veramente geniale! bravissima

Paola ha detto...

Troppa Grazia! Tutto merito del buon caro vecchio Guido. :D